L'editoriale

Aggiornato il: 28 ago 2020

Bologna 4A Digitale è un'idea nata su due presupposti e un'analisi del settore eventi, dopo Covid-19.





Il comparto dedicato alla promozione della cultura, piattaforma su cui poggia il processo di sviluppo della ricerca, rischia di essere completamente annullato, se non si accetta di affrontare l'accelerazione alla digitalizzazione necessaria e vincolante.


Fino al momento del lockdown parlare di sostenibilità ambientale, di responsabilità sociale d'impresa, di economia circolare, di Agenda 2030, di energie rinnovabili, di multifunzionalità, erano argomentazioni quasi completamente relegate agli intellettuali e tecnici del settore.

Oggi, in vista del rilancio vediamo delinearsi l'ombra lunga della chiusura delle attività imprenditoriali legate al settore dello spettacolo, dalle agenzie di comunicazioni, dei service, dei locali e delle location per conferenze e meeting aziendali, delle fiere, degli allestimenti, dell'intero mondo degli artisti.

L'alleanza tra territorio, associazioni di categoria, mondo imprenditoriale, politica e governance si veste di una doppia responsabilità, dal salvaguardare le iniziative a favore del contrasto all'emergenza, a essere portavoce di un volano di rilancio.

Spingere sull'energia dei singoli può essere un meccanismo controproducente e portare a rompere il semiasse su cui si muove uno degli aspetti fondamentali della green economy, la comunicazione.

Aggiungiamo un altro svantaggio, se da una parte le piattaforme open source hanno ridimensionato l'esigenza di confronti diretti, avviando il cambiamento di paradigma, dall'altro funzionano solo se sono completamente gratuite.


Con queste premesse fare marketing sostenibile è una sfida.

Mettiamoci anche la briscola: essere una voce fuori dal coro, non aiuta. E' come partire in regata prima del via ufficiale o rimanere in porto, quando tutti sono partiti: E' inutile.


Il delicato equilibrio è quindi messo a rischio dal termine fiducia, sia nei confronti di chi si mette a disposizione con nuove iniziative e processi di sviluppo, sia per coloro che hanno il potere economico di avviarle.

Guardiamo con interrogativi alle linee guida dell'eurozona e della politica, pronti a intercettare le fonti di finanziamento, affidandoci al delicato posizionamento dell'Italia sui mercati europei e globali.

La lunga pausa. però ci permette di mettere ordine sulle priorità e sui ruoli che ognuno di noi può ricoprire nell'immenso circuito della resilienza trasformativa.


In quest'ottica vediamo aprirsi una finestra sul termine alleanza, che in pratica da valore alle realtà testimonial, come le imprese con responsabilità sociale avviata, veicolata su autostrade digitali in una rete consolidata di contenuti, in cui la ricerca, i metodi di analisi statistici e la partecipazione attiva, segnano le nuove rotte da seguire.


Di fatto in quella terra di mezzo, ci posizioniamo anche noi. Con un'esperienza di un decennio sulle tematiche in oggetto e con uno statuto guida che ci vincola alla promozione di idee e progetti a favore della sostenibilità ambientale, apriamo a un tavolo virtuale e fisico proprio dalla città di Bologna.

Chiediamo di riempire le pagine di questo ebook concertando le esperienze, mettendo a disposizione il proprio know how per invogliare a definire, in quattro aree specifiche, i metodi, le scelte e le opportunità formative, accendendo i fari su coloro che sono designati a essere gli architetti del pensiero umano del dopo covid-19.


La collana di Bologna 4A Digitale avrà anche un ruolo fondamentale nel registrare le fasi di questo viaggio, ma necessita di essere condiviso a partire dalle fondamenta, certi che nel corso della sua elaborazione si saprà arricchire di nuovi capitoli, e forse avere un aspetto diverso, anche solo fra un anno.


Stiamo raccogliendo le testimonianze imprenditoriali, ampliando il numero delle interviste da abbinare alle nuove figure professionali green. La struttura è elaborata nel format del metodo "Snowfall" che parte da un racconto. arricchendo la scaletta degli approfondimenti con video, sondaggi, progetti e gallery fotografiche esterne.


In fondo, lo slogan "Se vuoi raccontare una favola, devi entrare in un Bosco" è ancora più vero se si tratta di mettere insieme la visione di una florida e vitale società sostenibile.
9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

BOLOGNA 4A DIGITALE

FILO ROSSO

NON SOLO FOOD

REDAZIONE E PRODUZIONE

Marzari Marcella
Comitato Non Solo Food

Bologna

termini e privacy

TEL +39 3475109352

MAIL 

Ufficio Stampa Filo Rosso

press.filorosso@gmail.com

  • Facebook - Bianco Circle
  • Facebook - Bianco Circle
  • Twitter - Bianco Circle
  • LinkedIn - Bianco Circle

© 2020 BOLOGNA 4A DIGITALE